Come si guida in off?

Avatar utente
grey lion
Primus Pilus
Primus Pilus
Messaggi: 518
Iscritto il: sab dic 10, 2011 10:45 pm

Re: Come si guida in off?

Messaggioda grey lion » lun feb 10, 2014 7:49 am

grey lion ha scritto:Alessandro ....

..... prima parte ......
: book : Posizione di guida nell'affrontare diversi ostacoli :penna:

SALITA: è uno dei momenti più difficili per potere sfruttare la potenza delle moto per via del rischio di impennare rovinosamente e innescare un cappottamento.
Allo stesso modo è necessario avere una buona trazione con la ruota posteriore per non fermarsi.
Per tali scopi la posizione corretta vede il pilota rigorosamente in piedi sulle pedane (così da scaricare il peso del corpo sulla ruota posteriore acquisendo trazione) e con il busto inclinato in avanti.
Tanto più la salita è ripida tanto più il busto si avanza.
Un busto avanzato non annulla però le precedenti premesse di una testa rivolta in avanti con lo sguardo piuttosto in profondità e non a guardare il parafango. : MrOrange :


DISCESA: è, in tutti i sensi, l'opposto della salita. :penna:
In questo caso bisogna sfruttare la trazione per potere frenare e allo stesso tempo non rischiare un cappottamento in avanti.
Il corpo, sempre RIGOROSAMENTE in piedi, si arretra fino anche ad avere il sedere sul codino fuori dalla sella.
Il peso indietreggiato evita che il posteriore si alzi per via della frenata e la posizione in piedi scarica il peso
sulle pedane (punto più basso della moto) alzando così il baricentro della moto per un maggiore controllo.
: MrOrange :


:dond:
mi piace perdermi per poi ritrovarmi, Grey Lion
Avatar utente
il cavaliere nero
Pilus Prior
Pilus Prior
Messaggi: 370
Iscritto il: dom mar 03, 2013 7:52 pm
Località: Patagonia, Oodaaq, Vanau Levu, Attu, Kiribati, Iquitos, Motu Nui
Contatta:

Re: Come si guida in off?

Messaggioda il cavaliere nero » mar feb 11, 2014 12:42 am

Basta che fai così........ che ce vuole ??? :vecchio:


Benelli America 50 - Gilera 150 - Aermacchi 250 - BMW R45 - Bmw R65 - Bmw R100 RS red - BMW R100 RS grey - Honda Transalp 600 - Honda Africa Twin 750 - Bmw R 1100 RS - Bmw R1150 GS - Bmw R 1200 GS - Bmw R1200GS Adventure
Avatar utente
czesc
Tribunus
Tribunus
Messaggi: 1836
Iscritto il: sab dic 10, 2011 6:47 pm
Località: Roma

Re: Come si guida in off?

Messaggioda czesc » mar feb 11, 2014 7:38 am

Ale, ricordati però che alla base di tutto, per poter osservare tutte le regole comportamentali sulla corretta postura da tenere quando si fa Enduro specialmente su moto come le nostre, è avere una discreta dose di buon allenamento in corpo, altrimenti dopo due minuti che stai in piedi sulla moto tenendo il manubrio e cercando di tenere il busto leggermente in avanti, tu sei bello che distrutto....
Fidati, un buon allenamento e via
Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
alessandrom7323
Tribunus
Tribunus
Messaggi: 1691
Iscritto il: gio giu 21, 2012 3:36 pm

Re: R: Come si guida in off?

Messaggioda alessandrom7323 » mar feb 11, 2014 6:00 pm

Allenamento né faccio tutti i giorni, salgo e scendo dai tetti, salgo e scendo dal letto, faccio il caffè ed ogni tanto cucino, lavo per terra e i panni, che altro devo fare;-)
Immagine Importante non è dove andareImmagineImportante è andare
Avatar utente
grey lion
Primus Pilus
Primus Pilus
Messaggi: 518
Iscritto il: sab dic 10, 2011 10:45 pm

Re: Come si guida in off?

Messaggioda grey lion » mar feb 11, 2014 7:27 pm

grey lion ha scritto:
grey lion ha scritto:Alessandro ....

..... prima parte ......
: book : Posizione di guida nell'affrontare diversi ostacoli :penna:

SALITA: è uno dei momenti più difficili per potere sfruttare la potenza delle moto per via del rischio di impennare rovinosamente e innescare un cappottamento.
Allo stesso modo è necessario avere una buona trazione con la ruota posteriore per non fermarsi.
Per tali scopi la posizione corretta vede il pilota rigorosamente in piedi sulle pedane (così da scaricare il peso del corpo sulla ruota posteriore acquisendo trazione) e con il busto inclinato in avanti.
Tanto più la salita è ripida tanto più il busto si avanza.
Un busto avanzato non annulla però le precedenti premesse di una testa rivolta in avanti con lo sguardo piuttosto in profondità e non a guardare il parafango. : MrOrange :

DISCESA: è, in tutti i sensi, l'opposto della salita. :penna:
In questo caso bisogna sfruttare la trazione per potere frenare e allo stesso tempo non rischiare un cappottamento in avanti.
Il corpo, sempre RIGOROSAMENTE in piedi, si arretra fino anche ad avere il sedere sul codino fuori dalla sella.
Il peso indietreggiato evita che il posteriore si alzi per via della frenata e la posizione in piedi scarica il peso
sulle pedane (punto più basso della moto) alzando così il baricentro della moto per un maggiore controllo.
: MrOrange :

........terza parte ......
Capite bene le posizioni in salita e in discesa si tratta di riapplicarle con un po' di parsimonia ai seguenti 2 casi:

ACCELERAZIONE: la posizione del corpo è del tutto simile alla salita (peso avanzato e in piedi).
Solo che il corpo non è troppo avanzato in quanto il rischio della moto di impennare è un po' minore in caso di assenza di pendenza.
Il busto un po' avanzato consente alla moto di non impennare ma stando in prossimità del centro consente di dare un maggiore grip al posteriore consentendo quindi una accelerazione più efficace.
Chi ha notato i cosiddetti “scalini” sulle selle di alcuni crossisti avrà notato che il corpo è quasi centrale.
: MrOrange :

....... quarta parte ........
FRENATA: la posizione del corpo è del tutto simile alla discesa (peso arretrato e in piedi).
In questo caso è molto molto importante rispettare la posizione perché la moto risponde in modo nettamente diverso.
Il corpo arretrato evita un accidentale “stoppie” e carica anche le pedane che a loro volta caricano le sospensioni e il baricentro
si abbassa donando alla moto grip e stabilità.
Una volta terminata la staccata e inserita quindi la moto in curva (parabola o canale che sia) il corpo si “catapulta” in avanti sul serbatoio addirittura tirandosi avanti con le braccia.
Così facendo si può caricare esclusivamente la ruota anteriore per evitare di scivolare mentre si curva.
: MrOrange :

......quinta parte ......
SALTO: In questo caso l'istinto è difficile da domare … Molto più efficace è sempre un occhio esperto che supervisiona e corregge.
In linea di massima la tecnica vuole che si affronti la rampa in piedi con il corpo avanzato (stile salita) per poi arretrarlo non appena ci si stacca dalla rampa “allungando” la moto in avanti.
Si raccomanda di atterrare sempre in piedi, di stringere le gambe e con esse di indirizzare la moto nella direzione prescelta
e soprattutto di atterrare sempre con il gas spalancato per attutire il colpo.
Il motivo del gas spalancato al momento dell'atterraggio si spiega facilmente: Atterrando si ha inevitabilmente
uno schiacciamento della moto al suolo e il conseguente rimbalzo “che deve essere controllato da sospensioni efficienti”.
Quest'ultimo può comportare una reazione anomala della moto con il rischio di perdita di controllo.
Atterrando a gas spalancato il rimbalzo è minore perché la moto si schiaccia all'atterraggio e resta schiacciata per più tempo rimbalzando
meno o comunque più lentamente.
: MrOrange :

......sesta parte.......
TERRENO MORBIDO: Per terreno morbido si intende fango e sabbia.
In questo caso vale il detto: “chi si ferma è perduto” in quanto ripartire è molto difficile.
Anche in questo caso si adatta una tecnica già spiegata ovvero la discesa.
Con il corpo in piedi il peso va spostato indietro per consentire questa volta alla ruota anteriore di “galleggiare”
e quindi non diventare un corpo inanimato che rischia di sprofondare facendo perdere velocità e compromettendo la direzionalità.
È logico che a questa posizione si deve accompagnare una buona quantità di acceleratore tentando una sorta di impennata perenne.
: MrOrange :

.......settima parte.......
BUCHE & WOOPS: Allo stesso identico modo del terreno morbido si guida su un fondo bucato o sulle più rinomate woops
(che non sono altro che grosse buche artificiali).
In questo caso la posizione (arretrata è in piedi) mira a far “galleggiare” l'anteriore per non farlo “piantare” sulle buche.
Un ulteriore accorgimento è affrontare con una marcia alta le buche a causa di un “difetto” tecnico che affligge le moto da off-road.
La marcia bassa, per via della buona dose di potenza, provoca il cosiddetto “tiro catena” che va inevitabilmente a comprimere
il tratto iniziale del mono ammortizzatore posteriore che è anche il più morbido e più confortevole.
Affrontando quindi le buche con il motore in tiro si va ad annullare quasi 1/3 di corsa del mono e si va a sfruttare
il restante 2/3 che poi è anche quella più dura.
Con una marcia alta, invece, si sfrutta quasi tutta la corsa del mono sfruttando anche il primo tratto più morbido
e confortevole rendendo quindi la gara del pilota meno faticosa.
: MrOrange :

ULTIME NOTE:
La moto va guidata con le gambe e non con le braccia che non resisterebbero allo sforzo di una intera gara.

La moto va guidata con la testa: inutile prendere un rischio superfluo, perché riuscire a scendere 1 secondo al giro
per poi procurassi una frattura che costa mesi di fermo non è una scelta saggia.

Guardare gli altri più bravi per poi procedere ad una imitazione è il modo migliore di crescere.

Anche andar da uno sconosciuto per fare una domanda ben precisa su un aspetto non chiaro nella sua guida non offende mai!!!
: Thumbup :

BUON DIVERTIMENTO!! :penna:
:dond:
mi piace perdermi per poi ritrovarmi, Grey Lion
Avatar utente
alessandrom7323
Tribunus
Tribunus
Messaggi: 1691
Iscritto il: gio giu 21, 2012 3:36 pm

Re: R: Come si guida in off?

Messaggioda alessandrom7323 » mer feb 12, 2014 5:46 am

Bello il video di Peteransell è come tutti i grandi campioni che nella vita hanno scelto di fare solo quello che sapevano fare
Immagine Importante non è dove andareImmagineImportante è andare
Avatar utente
alessandrom7323
Tribunus
Tribunus
Messaggi: 1691
Iscritto il: gio giu 21, 2012 3:36 pm

Re: Come si guida in off?

Messaggioda alessandrom7323 » mer feb 12, 2014 6:52 pm

ho capito cosa mi aspetta sabato :cry:

Immagine Importante non è dove andareImmagineImportante è andare
ghibbli
Pilus Prior
Pilus Prior
Messaggi: 320
Iscritto il: mar nov 13, 2012 12:55 pm

Re: Come si guida in off?

Messaggioda ghibbli » ven mar 14, 2014 6:58 am

Avatar utente
davide
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 4503
Iscritto il: mar mag 22, 2012 10:00 am
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: Come si guida in off?

Messaggioda davide » ven mar 14, 2014 7:53 am

allora comincia a cambiare moto ... : MrOrange : : MrOrange : : MrOrange :

D.
“Sometimes it's a little better to travel than to arrive”
Robert M. Pirsig, Zen and the Art of Motorcycle Maintenance: An Inquiry Into Values
Avatar utente
davide
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 4503
Iscritto il: mar mag 22, 2012 10:00 am
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: Come si guida in off?

Messaggioda davide » ven mar 14, 2014 9:48 am

Intanto puoi sempre esercitarti nei fondamentali ...
Immagine

: MrOrange : : MrOrange :
D.
“Sometimes it's a little better to travel than to arrive”
Robert M. Pirsig, Zen and the Art of Motorcycle Maintenance: An Inquiry Into Values

Torna a “Tecnica di guida”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti